Onda Più

PUN: cos’è il Prezzo unico nazionale e perché è utile sapere di cosa si tratta

Il costo dell’energia è diventato un tema all’ordine del giorno a partire dal secondo trimestre del 2022, centrale nel dibattito politico. Ma vi siete mai chiesti quale sia il prezzo dell’energia elettrica in Italia e chi lo stabilisce? Come viene calcolato e se serve davvero conoscerlo? E quanto può incidere, poi, sulle bollette? Proviamo a rispondere a queste domande a partire dal PUN, acronimo che sta per Prezzo unico nazionale.

 

Cos’è il PUN e come funziona?

Il PUN è il Prezzo unico nazionale, ovvero il prezzo di riferimento dell’energia elettrica acquistata all’ingrosso sul mercato della borsa elettrica (IPEX, Italian Power Exchange). Qui avvengono le contrattazioni per la compravendita tra produttori e fornitori.

Il PUN è il valore ottenuto dalla media ponderata tra i prezzi di vendita delle diverse zone d’Italia definito per ogni giorno e ogni ora in base al meccanismo di domanda e offerta.

Il dato viene espresso in euro/MWh ed è indicativo del costo dell’approvvigionamento dell’energia elettrica in Italia. Risponde all’interrogativo: quanto pagano l’energia elettrica i fornitori ai produttori?

 

Quanto vale oggi l’energia elettrica?

Il valore del Prezzo Unico Nazionale di oggi non è necessariamente uguale a quello di ieri, di domani e dei giorni a seguire. Il PUN, infatti, tiene conto di diversi fattori e varia di ora in ora.

Ci sono delle fasce orarie in cui è più dispendioso produrre e distribuire energia elettrica: in questi momenti il valore del PUN aumenta e i costi sono maggiori. Viceversa, quando la produzione costa meno, il valore in questione diminuisce. 

Più che guardare al valore assoluto, però, quello che si deve tenere d’occhio è l’andamento mensile e annuale del PUN. Cosa non difficile perché sono dati a portata di click: per visionarli basta visitare il sito del Gestore dei Mercati Energetici (www.mercatoelettrico.org), che si occupa dell’organizzazione e della gestione del mercato elettrico.

 

Come si determina il PUN? Da quali fattori è influenzato?

Il valore dipende da numerosi fattori oltre al rapporto tra domanda e offerta. Il PUN può essere influenzato significativamente anche in base alla situazione geopolitica: ad esempio se un Paese che fornisce energia elettrica decide di bloccare l’esportazione. 

 

A cosa serve e a chi serve il PUN?

Vediamo a chi serve realmente conoscere il valore e l’andamento del PUN:

–  Ai fornitori, per calcolare il costo dell’energia elettrica in bolletta e formulare le offerte ai potenziali clienti. A un valore maggiore del PUN corrispondono costi più elevati che, nel caso inverso, sono minori;
  ai potenziali clienti, per comprendere e poter confrontare con maggiore consapevolezza le offerte presenti sul mercato.

 
Perché bisogna conoscere il PUN?

La domanda sorge spontanea: perché un consumatore dovrebbe sapere cosa sia il Prezzo unico nazionale deciso dalla borsa elettrica e a quanto ammonta il suo valore?
In una situazione come quella dei mesi centrali del 2022, in cui si parla quotidianamente del rincaro delle bollette e di fluttuazioni del costo dell’energia, è utile anche agli utenti conoscere il PUN per poter valutare, con gli opportuni strumenti, quale sia la migliore offerta per le proprie abitazioni, aziende ed esercizi commerciali.

 

Quanto incide sulla bolletta dell’energia elettrica il PUN?

Chi fornisce energia elettrica ne calcola il costo in bolletta in base all’andamento del PUN. Quando il PUN sale, i fornitori comprano l’energia elettrica a un prezzo maggiore, dunque faranno pagare l’energia a prezzi più alti. D’altra parte, se il valore del PUN è basso, i fornitori possono offrire l’energia elettrica a un prezzo più conveniente.

Esistono, infatti, le cosiddette tariffe a prezzo bloccato, generalmente per uno o due anni, e quelle a prezzo indicizzato. Nel secondo caso le variazioni del PUN impattano sull’importo della bolletta della luce praticamente nell’immediato, eventualità che, invece, non ricorre con le tariffe fisse.
 
Spetta sempre all’utente finale decidere se optare per la possibilità di beneficiare di eventuali ribassi con un notevole risparmio in bolletta, o accettare una tariffa bloccata, indipendente dall’andamento del mercato dell’energia.
Ricorda che nella scelta è importante tenere conto anche delle proprie abitudini di consumo. 

 
Ora che sai cos’è il PUN, quando leggerai tra le offerte, ad esempio, la dicitura “PUN + 0 Euro/kWh” (come nel caso di Luce Famiglia Protetta) saprai che l’offerta ti consentirà di pagare l’energia al prezzo di costo, variabile su base mensile. 
   

Onda Più: il tuo operatore di fiducia per la fornitura di energia

Se vuoi ottenere il massimo del risparmio, scegli Onda Più. Negli anni, ci siamo distinti come operatore di fiducia per la fornitura di energia elettrica e gas naturale, grazie all’attenzione riposta verso le esigenze di imprese e utenti domestici siciliani. Ti forniamo l’energia che ti serve ogni giorno a prezzi convenienti.

Exit mobile version